Quali sono i paesi baltici

Quando si parla dei paesi baltici, a volte, può sorgere confusione in una conversazione. Sebbene i paesi baltici siano quelli che circondano il Mar Baltico, può accadere che due persone si riferiscano a due cose diverse quando ne parlano e che entrambi hanno ragione. È possibile? Lo è, e la ragione è che, a seconda del contesto in cui ci stiamo muovendo, i paesi baltici potrebbero essere l'uno o l'altro. Vuoi sapere quali sono i paesi baltici in contesti diversi? In questo articolo ti spieghiamo tutto, continua a leggere!

Definizione politica dei paesi baltici

Se aderiamo alla definizione politica, i paesi baltici sono formati da Estonia, Lettonia e Lituania, che sono i tre paesi le cui coste sono bagnate solo dal Mar Baltico . All'interno di questa definizione può essere raffinato un po 'di più: culturalmente, etnicamente e linguisticamente, l'Estonia non è considerata baltica, avendo più affinità con il popolo finlandese, così come una lingua simile al finlandese, estone.

Tuttavia, storicamente, i paesi baltici avevano un termine geografico assegnato, "Balticum", che includeva i seguenti territori:

  • Lituania
  • Estonia
  • Livonia
  • Prussia o Prussia Orientale
  • Lettonia
  • Curlandia

Inoltre, prima della seconda guerra mondiale, la Finlandia era considerata un paese baltico in alcune occasioni, ma non così attualmente.

Questa definizione è la più usata al giorno d'oggi per riferirsi in modo generale a questi paesi senza specificarne altro.

Definizione geografica dei paesi baltici

Se guardiamo, in questo caso, alla definizione geografica, l'elenco dei paesi baltici è diverso da quello precedente e comprende i seguenti 11 paesi che si trovano intorno al Mar Baltico :

  • Finlandia
  • Svezia
  • Russia
  • Kalinigrado (appartenente alla Russia ma in un territorio isolato)
  • Norvegia
  • Estonia
  • Lettonia
  • Lituania
  • Danimarca
  • Polonia
  • Germania

Per questa classificazione viene seguita solo la regola che si trovano intorno al Mar Baltico, indipendentemente dal fatto che siano bagnati da questo mare o da un altro specchio d'acqua.

Paesi baltici in senso stretto

Se ci riferiamo rigorosamente ai paesi che hanno accesso al Mar Baltico, l'elenco dei paesi è il seguente:

  • Estonia
  • Lettonia
  • Lituania
  • Danimarca
  • Russia
  • Svezia
  • Polonia
  • Germania
  • Finlandia

Tutti questi paesi sono raggruppati nel Consiglio degli Stati del Mar Baltico, a cui appartengono anche i paesi della Norvegia e dell'Islanda.

Caratteristiche e storia dei paesi baltici

In questa sezione ci riferiremo alla storia recente dei paesi baltici considerati dal punto di vista politico : Estonia, Lituania e Lettonia.

La storia recente di questi paesi è segnata dalla seconda guerra mondiale. Questi paesi erano stati sovrani dal 1918, il momento in cui erano diventati indipendenti dall'impero russo. Tuttavia, questa indipendenza fu persa nel 1940, quando il territorio fu occupato dall'Unione Sovietica, in seguito dalla Germania nazista e, ancora, occupato dall'Unione Sovietica. Si chiamarono repubbliche sovietiche dall'Unione Sovietica da quel momento, fino all'anno 1991 in cui ebbe luogo la Rivoluzione Sung, attraverso la quale raggiunsero la loro indipendenza. Tuttavia, la maggior parte dei paesi riteneva che questa incorporazione nell'Unione Sovietica non fosse stata legale, quindi non consideravano questi paesi membri di essa.

Questi tre paesi fanno parte dell'Unione Europea dal 2004 e la loro valuta corrente è l'euro. Tuttavia, la loro valuta non è stata l'euro poiché fanno parte dell'Unione Europea, ma hanno mantenuto le proprie valute per un po '. In Estonia, la moneta ufficiale fino a gennaio 2011 è stata la corona estone. In Lituania, la moneta ufficiale era il litas lituano fino all'entrata in vigore dell'euro nel gennaio 2015. Nel caso della Lettonia, la valuta ufficiale era il lats lettone fino a gennaio 2014.