Quali sono i complementi verbali

Ogni frase è formata da soggetto e predicato, ma in questa seconda parte, oltre al verbo, possiamo trovare diversi tipi di complementi verbali . Alcuni potrebbero essere obbligatori mentre altri serviranno per aggiungere informazioni, ma non saranno indispensabili. Quando facciamo un'analisi sintattica, dobbiamo sapere e sapere quale ruolo giocano all'interno della frase, quindi vogliamo facilitare il compito e spiegare in dettaglio quali sono gli integratori verbali.

Supplemento diretto (CD)

I verbi transitivi sono quelli che richiedono un complemento diretto - anche noto come oggetto diretto - per dare un senso, quindi questo complemento verbale apparirà in numerose frasi. Può essere guidato dalla preposizione "a" se si riferisce alle persone e i pronomi che lo sostituiscono sono "lui / lei / loro".

Inoltre, per rilevare i complementi diretti possiamo passare la frase al passivo e questo diventerà il soggetto.

Esempi di complementi diretti:

  • Stavo guardando un film quando hai chiamato. -> La stavo guardando quando hai chiamato.
  • Luisa ha trovato una banconota da cinque euro. -> Luisa lo ha trovato.
  • Aspettiamo tuo fratello -> Ti aspettiamo.

Se vuoi approfondire questo argomento, in un professore troverai una spiegazione sui complementi del verbo e il suo uso in spagnolo.

Complemento indiretto (CI)

Complementi indiretti - o oggetti indiretti - specificano chi riceve l'azione verbale, entrambi con verbi transitivi e intransitivi. Vengono sempre introdotti dalla preposizione "a" e la sostituzione pronominale è per "le / les".

Esempi di complementi indiretti:

  • Mia madre dà soldi a mio fratello ogni settimana. -> Mia madre gli dà soldi ogni settimana.
  • Ho detto all'insegnante come era successo -> Le ho detto come era successo.

Complemento di attributi (Atr)

Nel caso dei complementi degli attributi, possono apparire solo in frasi con verbi copulativi, cioè con "essere, essere e apparire". Ed è che questo attributo specifica nelle qualità predicative del soggetto, concordando su genere e numero.

Solitamente sono aggettivi o frasi aggettivali che non devono essere confusi con altri complementi verbali come la modalità indeterminata o i complementi diretti. Il pronome con cui vengono sostituiti gli attributi è "it".

Esempi di complementi di attributi:

  • Maria è tedesca. -> Maria è.
  • Il cane è stanco -> Il cane è.
  • I tuoi genitori sembrano arrabbiati. -> I tuoi genitori sembrano.

Complemento predittivo (Pred / Pvo)

Molto simile al precedente, il complemento predicativo è anche usato per designare le qualità del soggetto ma in questo caso con i verbi predicativi, quelli che non sono copulativi. Pertanto, concorda anche in materia di genere e numero con il soggetto, a differenza del complemento circostanziato in modo che possa essere simile ma non essere d'accordo.

Esempi di complementi predicativi:

  • Hanno ascoltato attentamente ciò che hai spiegato loro.
  • Mia sorella arrivò occupata .

Supplemento regime verbale (CRV)

Alcuni verbi governano la preposizione, cioè, per avere un senso hanno bisogno di un complemento verbale guidato da una preposizione: il complemento verbale del regime . In molti casi, questi sono verbi pronominali, sebbene possano anche essere altri tipi di verbo.

Se rimuoviamo la preposizione, vedremo come la frase perderà il suo significato, anche se li sostituiremo con il pronome tonico personale che corrisponde a loro: "lui / lei / esso".

Esempi di supplementi di regime verbale:

  • Ricorda i libri ! -> Ricordalo!
  • Non mi abituo a non vederti. -> Non mi ci abituo .
  • Ho Marta. -> Conto su di lei.

Complemento circostanziale (CC)

Tra i complementi verbali spiccano anche quelli circostanziali, quelli che specificano in quali circostanze avviene l'azione verbale. Ci sono molti tipi di complementi circostanziali : luogo, tempo, modalità, strumento, azienda ... così puoi trovarli tutti spiegati nel nostro articolo che sono i supplementi circostanziali.

Tutto ciò che è circostanziale può essere eliminato dalla frase senza perdere il suo significato, non è un complemento verbale obbligatorio ma è necessario per espandere l'informazione.

Esempi di supplementi circostanziali:

  • Maria arriverà alle 10 di sera.
  • Lascia le chiavi sul tavolo.
  • Prenderò un prosciutto con il nuovo coltello.

Complemento agente (CAg)

I complementi dell'agente si trovano solo in frasi passive, poiché è colui che sviluppa l'azione. Se passiamo la frase a attivo, il complemento agente diventerà oggetto della frase, per questo motivo possiamo trovarli con i verbi transitivi e sempre introdotti dalla preposizione "per".

Esempi di complemento dell'agente:

  • Il testo è stato corretto dall'insegnante -> L'insegnante ha corretto il testo.
  • Mio nonno era conosciuto da tutti nel vicinato -> Tutti conoscevano mio nonno nel vicinato.