Quali sono i supplementi circostanziali

In qualsiasi frase, il predicato può contare su numerosi complementi verbali che aggiungono informazioni sull'azione che il soggetto sviluppa, come nel caso dei complementi circostanziali . Questa funzione può essere eseguita sia con un avverbio avverbiale o sintagma, sia con una frase preposizionale nominale o anche una clausola subordinata che specificherà le circostanze e l'ambiente in cui si verifica l'azione verbale. Ci sono molti tipi di questo complemento, quindi vogliamo spiegare in dettaglio quali sono i supplementi circostanziali.

Complemento circostanziale del luogo

Uno dei tipi più comuni di complemento circostanziale è il luogo (CCL) che indica dove si svolge l'azione specificata dal verbo.

Per individuarlo, dobbiamo chiedere il verbo: dove?

Esempi di supplemento di luogo circostanziato:

  • Ieri abbiamo giocato sul campo in erba sintetica.
  • Juan vive a Londra.
  • Parcheggerò la macchina lì.

Complemento di tempo approssimativo

Inoltre, possiamo trovare il tempo di circostanza (CCT) che, come nel caso precedente, specificherà il momento in cui l'azione verbale avrà luogo.

Per individuarlo, dobbiamo chiedere il verbo: quando?

Esempi di complemento temporale circostanziato:

  • Maria arriverà alle cinque del pomeriggio.
  • I miei genitori vanno in piscina ogni sabato.
  • L'ho incontrato quando aveva 5 anni.

Complemento circostanziato così

Il complemento circostanziale della modalità (CCM), d'altra parte, spiega in che modo o modo ciò che esprime il verbo.

Per localizzarlo, dobbiamo chiedere il verbo: come?

Esempi di complemento circostanziato quindi:

  • Tuo fratello è venuto in fretta.
  • Puoi aprirlo in questo modo.
  • Dovranno farlo come ho insegnato loro.

Complemento generico di causa

Nel caso in cui il complemento verbale specifichi la causa dell'azione verbale, ci troveremo di fronte a una causa circostanziale (CCC) .

Per individuarlo, dobbiamo chiedere il verbo: perché?

Esempi di complemento circostanziale di causa:

  • Domani non andrò a lavorare perché vado dal dottore.
  • Il vicino è malato a causa del tabacco.
  • Sarò in ritardo a causa di uno sciopero della metropolitana.

Complemento di scopo essenziale

Simile al precedente tipo di complemento circostanziale, troviamo quello di finalità (CCF) che viene usato per indicare la fine dell'azione verbale.

Per localizzarlo, dobbiamo chiedere il verbo: per cosa?

Esempi di complemento di scopo circostanziato:

  • Ho preparato i pancake per colazione.
  • Devi prestare attenzione per capirlo.

Supplemento sostanziale dell'azienda

La compagnia circostanziale (CCComp) indica chi accompagna il soggetto a fare ciò che esprime il verbo.

Per localizzarlo, dobbiamo chiedere il verbo: con chi?

Esempi di complemento circostanziato dell'azienda:

  • Verrò domani con mio cugino.
  • Tuo padre incontra il mio ogni giorno

Complemento di strumento circostanziato

Se vogliamo specificare lo strumento o l'oggetto con cui è sviluppata l'azione verbale, dobbiamo utilizzare un complemento dello strumento circostanziale (CCI).

Per individuarlo, dobbiamo chiedere il verbo: con cosa?

Esempi di complemento di strumenti circostanziali:

  • Il taglialegna ha tagliato gli alberi con un'ascia.
  • Devi preparare l'impasto con le tue mani.

Aggiunta sostanziale di quantità

Quando si tratta di esprimere quantità relative al verbo della frase, sarà necessario parlare di una quantità circostanziata (CCCant) .

Per individuarlo, dobbiamo chiedere il verbo: quanto?

Esempi di aggiunta circostanziata di quantità:

  • Esther ama molto sua sorella.
  • Mi sono davvero arrabbiato perché non sei venuto.

Altri supplementi circostanziali

Oltre a tutti questi tipi di complemento circostanziali, ce ne sono altri meno frequenti come:

  • Complemento circostanziato della materia, che specifica un materiale con cui viene eseguita l'azione. Esempio: questa porta è realizzata in ferro.
  • Complemento generico di concessione per indicare una causa che impedisce l'esecuzione dell'azione verbale. Esempio: non è venuto se è stato invitato.

Nel caso della negazione e dell'affermazione, alcuni autori li considerano come circostanziali anche se sono modificatori del verbo e non complementi che specificano le circostanze del verbo.

Esempi: non ha mai pianto per amore / è davvero soleggiato.