Qual è la differenza tra spostamento e traiettoria

Ti sei mai chiesto la differenza tra spostamento e traiettoria? Pensi che possa essere due termini con lo stesso significato? La verità è che non lo è, perché ogni concetto ha la sua definizione e le sue varianti, ma se ancora non conosci bene le differenze tra queste due parole, non preoccuparti.

Poi, da, ti riveliamo qual è la differenza tra spostamento e traiettoria e ti offriamo la definizione completa di entrambi i concetti in modo che tu possa capire meglio come usarli. Prendi nota!

Qual è lo spostamento

Chiamiamo lo spostamento alla distanza tra una posizione di partenza e una posizione finale radicata in un movimento. Per esprimerlo più semplicemente, diremo che è lo spazio che esiste tra un punto A e un punto B (ad esempio, tra la nostra casa e il lavoro). Questo vuoto chiamato spostamento è sempre misurato con una linea retta immaginaria dal punto di partenza al punto di arrivo.

È anche necessario chiarire che la lunghezza dello spostamento sarà sempre costituita dalla distanza tra l'inizio e la fine. Questo intervallo, in cui il tempo è intervenuto e che comporta il passaggio da un asse all'altro, è noto come modulo di spostamento.

In breve, lo spostamento è una grandezza vettoriale, il che significa che ha una direzione e un senso, oltre al modulo sopra menzionato. Quindi, se vuoi rappresentare uno spostamento, traccia una linea retta da un punto di partenza a un punto di arrivo ; In questo modo, sarete in grado di strutturare in modo più dettagliato l'azione del movimento e la distanza percorsa di una persona o di un oggetto.

Qual è la traiettoria

Quando parliamo di traiettoria, ci riferiamo al percorso che un corpo segue, vivo o inerte, mentre è in movimento. Per semplificarlo con un esempio, potremmo dire che è l'intero viaggio dal punto di partenza al punto finale ; ogni centimetro, metro o chilometro attraverso i percorsi o le strade che si percorrono per affrontare, ad esempio, da casa al lavoro.

In questo modo, una traiettoria manterrà sempre due varianti: una in cui la sua direzione è mantenuta in linea retta e un'altra in cui diventa curva, motivo per cui questi due possibili movimenti della traiettoria sono chiamati rettilinei e curvilinei. In quest'ultimo caso, sono anche possibili traiettorie totalmente circolari.

Se approfondiamo un po 'di più, vedrete che la traiettoria è composta da un luogo geometrico, vale a dire che le posizioni attraverso le quali gli oggetti passano diventano successive e dipendono direttamente da un sistema di riferimento, cioè, su un punto isolato del traiettoria che funge da punto di posizione. Vediamo un esempio grafico:

Qual è la differenza tra spostamento e traiettoria

Dopo aver esaminato i concetti di traiettoria e spostamento, possiamo fare un chiaro confronto tra i due termini e vedere come differiscono. Come abbiamo visto, lo spostamento è la distanza segnata da una linea retta che attraversa un corpo inerte o vivente, mentre la traiettoria è l'intero percorso o la rotta che l'oggetto impiega per passare da un punto iniziale a uno finale.

Un'altra differenza tra spostamento e distanza percorsa è che quando l'oggetto in questione inizia a muoversi, potrebbero esserci delle variabili nella traiettoria, ma mai nello spostamento. Per illustrare, immagina di dover passare da un punto di partenza (la tua casa) a un punto finale (lavoro). All'inizio del tour, puoi scegliere tra scendere una strada o l'altra, attraversare o proseguire in linea retta, evitare alcuni ostacoli, ecc. Di conseguenza, modificherete la vostra traiettoria (il modo di viaggiare) ma mai lo spostamento, poiché il punto di partenza e il punto finale rimarranno gli stessi.

Se questa informazione è stata interessante per te e vuoi scoprire altre incognite educative, non perdere i seguenti articoli:

  • Come calcolare il perimetro di un triangolo
  • Differenza tra asso, raggio e ha
  • Qual è la differenza tra e tra